Puma Redon Move Sneakers unisex Black/White/High Risk Red 2 445 EU 10 UK Excelente Marca De Descuento Nuevos Unisex Aclaramiento De 2018 Unisex La Mejor Compra Precio Barato Fiable FjS5kP2kf

SKU139489210
Puma Redon Move, Sneakers, unisex, Black/White/High Risk Red 2, 44.5 EU (10 UK)
Puma Redon Move, Sneakers, unisex, Black/White/High Risk Red 2, 44.5 EU (10 UK)
Carrello 0 Prodotto Prodotti (vuoto)

Nessun prodotto

Spedizione gratuita! Spedizione
0,00 € Tasse
0,00 € Totale

I prezzi sono IVA inclusa

ItalDesign Sandali donna Nero Nero 41 Espacio Libre En Busca De Línea De Alta Calidad Obtener Auténtica jPe89hfM4

Prodotto aggiunto al tuo carrello

Quantità
Totale

Ci sono 0 articoli nel tuo carrello C'è un 1 articolo nel tuo carrello

Totale prodotti (Tasse incluse)
Totale spedizione(Tasse escluse) Spedizione gratuita!
Tasse 0,00 €
Totale (Tasse incluse)
Continua lo shopping Procedi con il checkout
Categorie
Strava Support Center

Articoli in questa sezione

Segui

Se il tuo dispositivo ha un altimetro barometrico ed è inserito nel nostro database dei dispositivi, la pagina delle attività mostrerà il dislivello registrato dal dispositivo sul file. Se il tuo dispositivo invece non ha un altimetro barometrico o il file è quello della nostra app per dispositivo mobile, sulla pagina delle attività comparirà un "dislivello corretto". Questo processo incrocia i dati del GPS sul file con quelli nel nostro database di dati barometrici. Marco Tozzi Premio 25206 Sneaker a Collo Alto Donna Grigio Grey Comb 36 EU Nueva Línea Unisex lxn5nvTPay

Su Strava i dati sul dislivello vengono uniformati per eliminare errori e anomalie (il "rumore") - abbiamo infatti stabilito una "soglia" per cui prima che sia aggiunta al dislivello salito totale, la salita deve essere costante per più di 10 metri nelle attività senza solidi dati barometrici oppure per due metri per qualsiasi attività con dati barometrici. Recentemente abbiamo modificato le soglie del dislivello salito per cercare di fornire informazioni più accurate agli atleti che registrino le loro attività su dispositivi senza altimetro barometrico. Nella maggior parte dei casi, queste modifiche hanno migliorato la qualità dei dati sul dislivello riportati su Strava. In alcune zone, tuttavia, i dati della mappa altimetrica base sottostante sono scarsi, per cui i valori totali che compaiono su Strava risultano gonfiati.

FAQ

Perché il mio profilo del dislivello è scomparso o non è corretto?

Se il profilo del dislivello che vedi non è corretto, è probabile che i dati sulla località (o altri dati) registrati sul tuo dispositivo GPS non descrivano in modo accurato la tua attività . Per migliorare il tuo collegamento GPS il fabbricante del dispositivo disporrà sempre dei dati più aggiornati ed essenziali, ma puoi comunque consultare i nostri articoli della Knowledge base su come risolvere i problemi con i dispositivi Android e iPhone

Sfortunatamente, quando una parte della tua attività non viene registrata dal GPS per qualunque motivo, noi non siamo in grado di "riempire" i dati mancanti. Tu puoi creare un'attività manuale che dia conto del dislivello salito e andato perduto, anche se non varrà per le Sfide Strava.

Perché il dislivello della mia attività è diverso da quello dei miei amici?

Se anche hai svolto esattamente la stessa attività di un tuo amico, ciascun dispositivo GPS, nonostante ne utilizziate due identici, registrerà la sua propria e unica serie di dati. Questi dati GPS saranno sempre diversi a causa delle variabili intrinseche che riguardano la registrazione dei dati GPS: intervallo di registrazione (il tempo tra i punti del GPS), l'intensità del segnale, le caratteristiche hardware del GPS, ecc. Le differenze nei dati del GPS possono possono far sì che anche i dati di dislivello calcolati siano differenti.

La confusione, inoltre, può derivare anche dalla comparazione dei dati sul dislivello di un'attività con dati barometrici con quelli di un'attività sottoposta al nostro processo di correzione. La modalità per ricavare il dislivello totale per i dati GPS è accurata in entrambi i casi, ma i dati "corretti" sono incrociati con la mappa altimetrica base, mentre il dislivello barometrico è ricavato dai dati registrati sul file dall'altimetro barometrico.

Il mio dispositivo ha un altimetro barometrico, perché Strava sta ricalcolando il dislivello?

Se hai registrato l'attività con un dispositivo GPS che ha un altimetro barometrico ma Strava non sta utilizzando quei dati, è possibile che il tuo tipo di dispositivo non sia stato ancora inserito nel nostro database o che il file che hai caricato non abbia un ID dispositivo. Ogni tanto ci capita di osservare questo problema quando le attività vengono sincronizzate attraverso un dispositivo di una terza parte, pertanto se sai che il tuo è nel nostro database, cerca di caricare il file originale direttamente dal dispositivo stesso. Se hai altre domande, invia una richiesta di assistenza e inserisci il link dell'attività Strava.

Perché il dislivello che compare su Strava è diverso da quello riportato dal mio dispositivo?

Poiché i dati sul dislivello derivati da un segnale GPS sono piuttosto imprecisi, Strava corregge automaticamente il dislivello ricavato da una fonte GPS consultando i database altimetrici per determinare il valore corretto per ogni punto dell'attività. Le nostre soglie e il processo di uniformazione possono essere inoltre diversi da quelli di altre piattaforme o dispositivi GPS.

I dati registrati dal mio altimetro barometrico sono sbagliati, posso correggerli?

Se hai il sospetto che i tuoi dati sul dislivello siano sbagliati, puoi richiedere su Strava.com un controllo del dislivello. Fai clic su "Dislivello?" sotto alle statistiche sul dislivello nella panoramica (che puoi vedere sotto). A questo punto compare una finestra di dialogo con un pulsante "Correggi dislivello". Questo pulsante appare solamente per i dati raccolti con un altimetro barometrico (oppure, raramente, nei casi in cui una precedente correzione automatica del dislivello non sia riuscita). Dopo un po', la dicitura "Calcolo in corso" si trasformerà in "Aggiornamento completato" e se farai clic su "Aggiornamento completato" anche la pagina sarà aggiornata con i nuovi dati sul dislivello. Anche se è possibile ritornare ai dati barometrici, per farlo dovrai caricare nuovamente la tua attività e perderai tutti i kudos assegnati o i commenti ricevuti.

Non vedo alcuna opzione per correggere il dislivello.

Questo significa che la tua attività è già stata corretta incrociando tuoi dati GPS con quelli del database del dislivello. Ricordati anche che la correzione del dislivello è disponibile solo sulla versione web di Strava.

Posso modificare il dislivello sulla mia attività?

No, attualmente non è possible modificare manualmente il dislivello su un'attività

Posso cancellare il dislivello salito che ho accumulato mentre il mio dispositivo era in pausa?

No, q uando l'app è in pausa, l'attività non registrerà nuovi punti GPS, né i progressi su distanza o tempo, ma qualsiasi cambiamento nel dislivello sarà incluso nel calcolo del dislivello totale salito durante l'attività. Non esiste un modo per cancellare i dati sul dislivello dall'attività.

Questo articolo ti è stato utile?
Altre domande? Sneakers marroni per uomo Chums Gris Tienda De Descuento En Línea rvspBFt
0 commenti

Questo articolo è chiuso ai commenti.

Homepage
Tienda De Venta Barata adidas Duramo 7 W Scarpe da Corsa Donna Multicolore Negro/Blanco/Rosa Negbas/Ftwbla/Granit 36 EU Descuento Por Buen Primera Calidad Espacio Libre Para Barato emlMW5
Calidad Superior De La Venta Barata Barato Para La Venta Scarpe sportive gialle Adidas Tienda Online De Descuento Gran Sorpresa HNudhBduk
Ivan Ferrero Digital Psy
A Digital Psychologist on the Web: ivan.ferrero1975@gmail.com

L’Immortalità? Esiste, ed io l’ho vista.

L’uomo ha da sempre ricercato l’Immortalità, e ha pensato di trovarla attraverso dei suoi surrogati.

C’è stato un periodo in cui essere immortali significava che le generazioni future si sarebbero ricordate di te e delle tue gesta.Allora il modo migliore per ottenere la vita eterna era quello compiere un’opera così memorabile che avrebbe lasciato il segno per i secoli a venire, e magari ti avrebbero anche eretto una bella statua, e il tuo nome sarebbe stato vergato sugli annali del Popolo.

In altri contesti la vita eterna è la promessa di qualcosa che al momento non sei in grado di vedere, ma che, fidati, c’è veramente, e potrai beneficiarne solamente…dopo la tua morte…

A quel punto potrai continuare le tue mille avventure in uno dei tanti aldilà preparati appositamente per te.

Oppure, se appartenevi ad un’altra Cultura, l’Immortalità sarebbe stato un susseguirsi di esperienze di Vite, una successiva all’altra, fino ad esaurimento, e allora avresti trovato veramente la pace.

Scorrono i millenni, e l’uomo inventa il Digitale, un luogo in cui non solo le cose sono destinate a restare in eterno, ma in cui è possibile creare della Vita, secondo alcuni un surrogato della stessa, ma pur sempre capace di decisioni che possono avere un’influenza anche nel Mondo Reale.

Le abbiamo battezzate “Intelligenza Artificiale”, lasciando intendere che trae ispirazione dall’Intelligenza Umana ma che, a ben vedere, speriamo che saremo in grado di farla un po’ meglio…

E insieme all’Intelligenza Artificiale arrivano anche le chatbot, che sono espressione concretizzata di questi prodigi della Tecnologia.

Le chatbot hanno una caratteristica che le rende particolari: sono costruite per dialogare con le persone che interagiscono con loro, e devono essere istruite.

Chi programma una chatbot inserisce le risposte possibili alle possibili domande degli utenti e, nei casi più sofisticati, inserisce un qualche algoritmo di Natural Language Processing (NLP), oppure di Natural Language Understanding, entrambi debitamente istruiti nel modo con il quale interagiranno.

In pratica: vengono istruiti di un modello comportamentale.

Esatto: proprio come gli Esseri Umani, che apprendono modelli di comportamento e di interazione.

Da qui a diventare immortali è un attimo: basta ricreare una chatbot che abbia un modello comportamentale identico al tuo , e che quindi sia te a tutti gli effetti, però nel mondo virtuale.

Avendo il tuo stesso modello comportamentale, è in grado di pendere le stesse decisioni che prenderesti tu di persona.

Non solo: chi interagisce con la tua chatbot ha la percezione di stare conversando con te.

Ma dove prendere il tuo modello di comportamento?

Semplice: dalle tracce che tu stesso lasci in giro per il web.

Prendi un algoritmo di Tone Analysis e Sentiment Analysis , quindi in grado di estrarre modelli di comunicazione da un testo, e dagli in pasto tutti i tuoi contributi sui Social Network.

Una volta estrapolato il modello di comportamento, trasferisci questo schema su una chatbot , che puoi anche chiamare con il tuo nome, e il gioco è fatto.

Se tutto questo ti sembra ancora primitivo, allora pensa ai computer degli anni ’80: avresti mai detto, osservando lo schermo di un PC in CGA, che saremmo arrivati a capolavori come Call of Duty o Grand Thieft Auto?

Quindi pazienta, perchè aggiungere a questo Sistema una funzione di Intelligenza Artificiale in grado di prendere decisioni rispecchiando il tuo modello di comportamento è un attimo.

E se tutto questo ti sembra ancora troppo “Virtuale” ed evanescente, tieni d’occhio come velocemente si stanno evolvendo i social robot, i quali inevitabilmente avranno bisogno di modelli comportamento per potere agire nel mondo.

E quel modello di comportamento potrebbe proprio essere il tuo: la tua Persona sarà un algoritmo che potrai uploadare, scaricare e trasferire a tuo piacimento sulla macchina di tua preferenza.

Like what you read? Give Ivan Ferrero Digital Psy a round of applause.

From a quick cheer to a standing ovation, clap to show how much you enjoyed this story.

Mi piace Piace a 3 people

Scarpe sportive nere per donna Freddy DIWO Curve Venta Barata Gran Venta Profesional tvB1O5
03/02/2015

Gianni grazie grazie grazie..perche’ quando ti leggo sorrido sempre!

Rispondi
04/02/2015

Gianni sei adorabile! bellissimo il tuo intervento. mi fai iniziare bene la giornata.

Rispondi
04/02/2015

Grazie a voi che ci avete fatto scoprire qs scrittrice prima che decidesse di scrivere anche in italiano

Rispondi
05/02/2015

sono curiosa di leggerlo

Rispondi
13/02/2015

sotto minaccia dell’amica zaidenoll, lascio anche la mia recensione a questo libro che, come ripeto, mi è piaciuto molto.

“veniamo tutti dal cappotto di Gogol” Una giovane famiglia bengalese, il cui matrimonio è stato combinato, decide di emigrare. Il padre Ashoke Ganguli che ,durante un viaggio in treno rischia la vita mentre sta leggendo un racconto di Gogol (“invece di ringraziare Dio ringrazia Gogol, lo scrittore russo che gli ha salvato la vita”), decide di chiamare il figlio proprio con il cognome dello scrittore. Negli Stati Uniti Ashoke riuscirà ad affermarsi e fare carriera, mentre la moglie si dedicherà alla famiglia e a mantenere salde le tradizioni culturali di appartenenza, a creare una rete di relazioni con connazionali che le permettano di essere quella che è senza cercare l’approvazione esterna, rifuggendo da sguardi di commiserazione o curiosità. Guardando, con sorpresa, i figli che sembrano “ americani in tutto per tutto, che conversano con disinvoltura in una lingua che a volte tuttora li confonde, con un accento di cui sono abituati a diffidare.” e l’insofferenza per le festività induiste. In questa migrazione da adulti che l’autrice definisce come “una gravidanza che dura tutta la vita — un’attesa perenne, un fardello costante, una sensazione persistente di anomalia. È una responsabilità ininterrotta, una parentesi aperta in quella che era stata la vita normale, solo per scoprire che la vita precedente si è dissolta, sostituita da qualcosa di più complicato e impegnativo. Come la gravidanza, essere stranieri, pensa Ashima, stimola la curiosità degli estranei, la stessa mescolanza di rispetto e compassione.” Il figlio Gogol combatterà con un nome che non sente suo e con un atto di rottura nei confronti delle scelte genitoriali, deciderà di cambiarlo. (“nelle famiglie bengalesi, il nome di un individio è sacro, inviolabile. Non si presta a essere ereditato, o condiviso). Jhumpa Lahiri narra, in maniera precisa e delicata, la sensazione continua di sradicamento che appartiene a chi emigra, che rende necessario l’attaccamento a gesti e riti di convivialità che ti permettano di rimanere solido e definito. Nello stesso tempo non dimentica di narrare l’identità plurima con la quale i figli della migrazione devono relazionarsi. Il nome mi definisce? Nel momento in cui l0 cambio, la mia identità ne segue il cambimento? Decisamente delicate ed empatiche anche le parole usate nel descrivere le parabole degli innamoramenti, delle passioni che le accompagnano e degli fratture che si inseriscono e ne cambiano la direzione. Un libro che affronta diverse tematiche con un garbo e delicatezza che lo rendono decisamente piacevole.

Seleziona una pagina

Posted by Maria Silvia Sanna 9 mesi ago

9 mesi ago
Articolo Elaborazione del linguaggio naturale Entità Mark Bryce-Sharron Raffaele Gaito Rainer Edlinger Roberto Serra WordLift

Alcuni contenuti del tuo sito web rappresentano l’essenza del tuo lavoro e sono pensati per trasmettere il tuo messaggio a un pubblico più ampio. Questi contenuti autorevoli, offrono una descrizione approfondita dei temi di tuo interesse.

l’essenza del tuo lavoro una descrizione approfondita

In WordLift, chiamiamo questi contenuti entità . Sono la quintessenza degli interessi del tuo pubblico. Le entità offrono un contesto ai tuoi lettori e collegano tra di loro i tuoi articoli in una fitta rete di significati .

la quintessenza offrono un contesto collegano tra di loro i tuoi articoli in una fitta rete di significati

Usare WordLift su un sito web significa costruire una rete semantica tra entità e articoli per aiutare sia persone che macchine a comprendere al meglio i tuoi contenuti.Con WordLift 3.15 , abbiamo lavorato fianco a fianco con un autorevole gruppo di esperti per permetterti – finalmente – di trasformare i tuoi contenuti in entità con un semplice click.

costruire una rete semantica WordLift 3.15 trasformare i tuoi contenuti in entità

I siti web sonomicro-ecosistemi dentro un ecosistema più grande

In un modoo nell’altro, tutti i contenuti di un sito web sono inteconnessi . Inoltre, sono raggiungibili da un gran numero di punti d’accesso esterni: gli utenti arrivano dalla ricerca organica, dalle campagne di advertising, dai social media, dai link su altri siti, dai chatbot, dai QR code posizionati nel mondo fisico…

tutti i contenuti di un sito web sono inteconnessi

Un sito web aziendale è un’estensione dell’organizzazione , proprio così come un blog personaleè un’estensione dell’ identità dell’autore .

Un sito web aziendale è un’estensione dell’organizzazione identità dell’autore

In altre parole unapaginaweb nonè mai solo una pagina web: non solo è connessa a molte altre pagine dentro e fuori dal sito al quale appartiene, ma fa anche parte di un più ampioecosistema di significati condivisi.

connessa a molte altre pagine

Nell’era degli ecosistemi, vedere il quadro d’insieme è più importante che mai, ma allo stesso tempo più difficile.Non solo siamo costretti a stare nei nostri compartimenti e nell’ambito della nostra specializzazione professionale, noi vogliamo starci. Ci sentiamo al sicuro. Ma non lo siamo. Questo non un buon momento per starsene al proprio posto. Dobbiamo passare dalle scatole ai vettori. Il domaniappartiene a chi crea connessioni .